Visita della cattedrale dell’Icona della Madre di Dio di Vladimir. La prima versione in legno risale al 1747, mentre quella in pietra che possiamo vedere ancora oggi è stata inaugurata nel 1768. Progettata da Pietro Antonio Trezzini, è un sorprendente insieme di stili barocco e neoclassico. Situata in una zona densamente popolata, è una delle chiese più frequentate dai residenti, abbellita da cinque cupole a cipolla e da un campanile, separato dal corpo centrale. Durante il regime comunista ospitò una biblioteca “antireligiosa”; dal 1989 ripresero le funzioni sacre. Uno dei suoi visitatori più assidui era Dostoevskij, che vi veniva sovente in preghiera.