Klin

Klin è situata nella regione di Mosca, 85 chilometri a nord-ovest della capitale, lungo la strada fra Tver e San Pietroburgo. La città venne menzionata per la prima volta negli annali nel 1317, ed era parte del principato di Tver sino all’incorporazione di questi nel Gran Ducato di Mosca nel 1482. Venne seriamente danneggiata durante le battaglie tra gli eserciti sovietico e tedesco durante la Seconda Guerra Mondiale; fortunatamente alcuni edifici vennero preservati, come la Chiesa della Dormizione, che risale al XV secolo, e la barocca Cattedrale della Resurrezione, che data 1712. Cajkovskij trascorse qui il suo ultimo anno di vita, componendo alcune delle sue opere maggiori; la sua casa è oggi un museo.

Visita della casa-museo di Cajkovskij. Piotr Ilic Cajkovskij cercava un luogo tranquillo dove trovare la calma necessaria per dedicarsi a comporre. Scelse Klin per l’ambiente naturale, gli splendidi paesaggi punteggiati da foreste, prati e laghetti e anche perché la stazione ferrovia sorgeva strategicamente sulla linea fra Mosca e San Pietroburgo, consentendogli di viaggiare in entrambe le città e di accogliere gli amici che da quelle gli facevano visita. Fu proprio qui che egli completò alcuni capolavori, fra cui Iolanta e Lo Schiaccianoci, e dove scrisse nuove opere, la più ragguardevole delle quali è la famosa Sinfonia numero 6, conosciuta come Patetica. Visiteremo insieme le varie sezioni della casa, compreso lo studio di Cajkovskij, e passeggeremo amabilmente fra i giardini che furono per lui fonte di ispirazione.