Visita alla Casa-Museo di Dostoevskij. Dostoevskij, genio della letteratura russa, ebbe un’esistenza movimentata. Oppositore del regime zarista, venne condannato a morte, sebbene la sentenza venne fortunatamente commutata all’ultimo istante, quando l’artista si trovava di fronte al plotone di esecuzione. Trascorse quattro anni a Omsk, in Siberia, ai lavori forzati, seguiti da cinque anni di arruolamento obbligatorio come luogotenente nelle steppe del Kazakhstan. Quindi si trasferì a San Pietroburgo, dove scrisse I fratelli Karamazov e Delitto e Castigo, vivendo in misere condizioni e attanagliato dalle persecuzioni che lo circondavano. L’attuale museo, all’interno di uno degli appartamenti in cui visse, fornisce ai visitatori un contesto per le sue opere e personaggi, nonché uno spaccato di vita nel XVIII secolo.